• IterFestival

    Incontro con l'autrice

    Le cose da salvare

    con Ilaria Rossetti (e Francesca Diotallevi)

    venerdì 17 Aprile 2020
    ore 21.00
    Casatenovo (LC)

    Il paesaggio non ha linguaggio e la luce non ha grammatica, eppure milioni di libri cercano di raccontarli” (Robert Macfarlane)

    iterfestival è la kermesse che per un mese porta in Brianza un cartellone di appuntamenti legati al mondo dell’editoria. Promossa dal Consorzio Brianteo Villa Greppi con la direzione artistica de Lo Sciame Libri di Arcore, la quarta edizione del festival ha come tema “Paesaggi”. Scrittore, lettore e personaggio: ognuno possiede un proprio sguardo sul mondo. Eppure esiste un paesaggio comune sul quale essi si affacciano, un paesaggio di carta e inchiostro, il paesaggio libro.

    Venerdì 17 aprile alle 21, nella Sala Consiliare di Casatenovo, è in programma l’incontro con Ilaria Rossetti, autrice di “Le cose da salvare”. Premio Campiello Giovani 2007 con il racconto La leggerezza del rumore, Ilaria Rossetti firma un romanzo che narra del crollo di un ponte nell’Italia del 2020, con un evidente richiamo alla tragica vicenda genovese del 2018. Nel testo, tuttavia, il crollo diventa la potente metafora di una disgregazione che investe l’insieme della società e le singole esistenze umane. A dialogare con l’autrice sarà un’altra scrittrice: Francesca Diotallevi. 

    Gabriele pensa alle cose da salvare. Ci sono le fotografie. Quella con suo padre e sua madre sulla porta di casa, sorridenti il giorno del rogito, luglio 1989, lei indossa un maglioncino perché quella mattina si è alzato un vento pungente, ribelle alla stagione. Quelle negli album delle vacanze in Camargue e di uno degli ultimi Natali analogici. Ma chissà dove sono, dove le ha messe. Ci sono il cellulare, il libretto degli assegni, il raccoglitore dell’Inps con le cartellette trasparenti e i divisori. Quel romanzo di Pavese. Apparteneva a Elisabetta prima che se ne andasse, con la copertina cotta dall’acqua di mare. Gabriele pensa alle cose da salvare perché sa che deve abbandonare quella casa, casa sua. Fatica a respirare, l’ossigeno è acido di detriti, di benzina, di fuoco. Le finestre della cucina, quelle che danno sul letto del fiume in secca, oltre la roggia, sono esplose con l’urto d’aria

    > Scopri di più su iterfestival

    Sala Consiliare
    piazza Repubblica, 7
    Casatenovo

    guarda sulla mappa >

    Letteratura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Letteratura