•  

    Installazione artistica

    Rivivere

    di Roberto Picchi

    domenica 16 settembre 2018
    ore 11.00
    Monticello Brianza (LC)

    Ville Aperte in Brianza è un’iniziativa promossa della Provincia di Monza giunta quest’anno alla sua sedicesima edizione e alla quale Villa Greppi aderisce con l’apertura al pubblico della Villa, del Parco e con alcuni eventi collaterali. Dal 15 al 30 settembre 2018 oltre 150 siti pubblici e privati tra ville, palazzi, parchi e giardini, chiese e musei del territorio della Brianza spalancheranno le porte al pubblico, affiancando alla visita guidata degli stessi un ricco calendario di eventi e arti performative.

    In occasione dell’iniziativa, Villa Greppi ospita la presentazione dell’installazione artistica realizzata da Roberto Picchi: segnalato dalla Commissione scientifica del progetto Residenze d’artista, Roberto Picchi propone un’opera dall’evocativo titolo di “Rivivere” che ben si presta alla relazione con la Villa e il suo splendido parco, suggerendo una riflessione importante sul tema dell’ambiente e, in particolare, sul sempre più allarmante consumo di carta.

    Per la sua ricerca Picchi è partito da un articolo apparso sull’Economist, nel quale emerge un dato allarmante: nonostante la diffusione del computer, negli ultimi decenni il consumo di carta non è diminuito, come previsto, ma, al contrario, è sensibilmente aumentato. L’Italia, nello specifico, avrebbe consumato nel solo 2010 quasi 11 milioni di tonnellate di carta, superando paesi ben più popolosi quali il Brasile e la Russia o, nell’Unione Europea, la Francia e la Spagna. Secondo alcuni studi, una famiglia italiana di quattro persone “consumerebbe” circa 2 alberi di 51 metri di altezza all’anno.

    Al fine di sensibilizzare il pubblico su questa tematica, Roberto Picchi ha pensato a un’opera coinvolgente ed efficace fin dalla fase di preparazione: ha coinvolto uffici e realtà che utilizzano grandi quantità di carta e ha raccolto 200 kg di carta da quotidiani, riviste, risme di carta riciclata, donando loro una nuova vita.

    “L’opera non vuole essere una citazione esplicita dei dati raccolti, ma piuttosto mostrare la possibilità di una reinterpretazione in chiave artistico/contemporanea di una grave problematica ecologica e sociale come il fenomeno del disboscamento e il conseguente aumento di anidride carbonica nell’aria”, spiega l’artista.

    Nei suggestivi spazi del Sottogranaio della Villa, Picchi ha quindi ricreato un ambiente naturale “ove il tempo e lo spazio paiono sospesi e la presenza dell’uomo incombe sul paesaggio incontaminato”. Coerente con una ricerca che ha sempre cercato la relazione con il pubblico, egli ha immaginato un’installazione site-specific per Villa Greppi: un’opera sensibile e intelligente, che certo farà parlare e discutere.

    Sotto-Granaio di Villa Greppi
    via Monte Grappa, 21
    Monticello Brianza

    guarda sulla mappa >

    Arte
    ingresso libero
    Arte