• IterFestival

    iternational _ speciale 25 aprile

    Il sentiero degli eroi

    Incontro con Marco Albino Ferrari

    martedì 25 aprile 2017
    ore 21.00
    Besana in Brianza (MB)

    Intorno alla mezzanotte del 31 agosto 1944, l’esploratore britannico Bill Tilman si fa paracadutare dagli Alleati sulle Dolomiti Bellunesi. Con due milioni di lire in tasca per finanziare la guerriglia, raggiunge il suo posto operativo a fianco dei partigiani della brigata “Gramsci” del comandante Bruno. Un inglese imperturbabile, di poche parole, sempre con il bocchino della pipa tra i denti. Sa muoversi di notte attraverso foreste, valli secondarie e sentieri nascosti, ma è davanti all’accerchiamento finale dei nazisti che il suo spirito combattivo si manifesta. Insieme a quindici uomini trova un nascondiglio sulla parete nord del Monte Ramezza, dove rimarrà tre giorni senza mangiare, sotto la tormenta. Ma Tilman è nel suo ambiente: è l’unico che può trovare una via d’uscita e portare tutti in salvo. Un appassionante romanzo di avventura, una biografia avvincente, una storia di montagna narrata da un alpinista e giornalista, che ama raccontare.

    Cineteatro Edelweiss
    piazza Cuzzi, 1
    Besana in Brianza

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    colliteral

    Una serata d’inferno

    SERATA DANTESCA con Lorenzo Massari

    mercoledì 26 aprile 2017
    ore 21.00
    Barzanò (LC)

    “I’ m’accostai con tutta la persona lungo ’l mio duca, e non torceva li occhi da la sembianza lor ch’era non buona.” Lorenzo Massari, innamorato di Dante e della sua Commedia, ci accompagna in un viaggio speciale, quello tra le parole, le immagini, le emozioni del poema dantesco. La Divina Commedia come non l’avete mai sentita.

    PEREGOLIBRI
    via dei Mille, 25
    Barzanò

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    iternational

    “Quello che dice una cameriera” e “Non disturbare”

    Incontro con N. Manuppelli e C. Marinaccio

    giovedì 27 aprile 2017
    ore 21.00
    Cassago Brianza (LC)

    Tornano “i Fuorilegge” Nicola Manuppelli e Claudio Marinaccio con due romanzi inaspettati e originali. Quello che dice una cameriera, come scrive il suo autore Manuppelli, e partito più di vent’anni fa con Fernanda Pivano e il tentativo di pubblicarne una prima parte. È un libro di viaggi e miraggi: dentro ci sono un po’ di storie di motel, cameriere, viaggi, sciamani, commessi di negozi di scarpe e scarpe di pelle marrone. Non disturbare di Marinaccio è un racconto in forma diaristica sulla difficoltà di comunicare al giorno d’oggi, attraverso dialoghi ironici, episodi e storie curiose, telefonate e citofonate surreali. Entrambi i libri vi sorprenderanno! In libreria dal 20 Aprile, editi da Miraggi edizioni.

    Sala consiliare del Municipio
    piazza Italia Libera, 2
    Cassago Brianza

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    colliteral _ aperitivo d’autore

    Un viaggio nella letteratura americana

    Conferenza con Nicola Manuppelli

    venerdì 28 aprile 2017
    ore 18.30
    Barzanò (LC)

    Nicola Manuppelli è editor e traduttore di letteratura americana per Mattioli, Nutrimenti, Minimum Fax e autore dei romanzi Bowling (Barney, 2014), Merenda da Hadelman (Aliberti Compagnia Editoriale, 2016) e Quello che dice una cameriera (Miraggi Edizioni, 2017). È un “Fuorilegge” della letteratura americana: con lui, viaggeremo alla scoperta dell’America, della sua tradizione letteraria e dei suoi autori imperdibili.

    PEREGOLIBRI
    via dei Mille, 25
    Barzanò

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    iternational _ youngiter

    Le tartarughe tornano sempre

    Incontro con Enzo Gianmaria Napolillo

    venerdì 28 aprile 2017
    ore 21.00
    Lesmo (MB)

    Salvatore è nato quando in pochi conoscevano il nome della sua isola: un luogo di frontiera posto alla fine del mondo, con il mare blu e la terra arsa dal sole. È lì che ha conosciuto Giulia, anche se lei vive a Milano con i genitori emigrati per inseguire lavoro e successo. Un’estate, tutto cambierà: Giulia e Salvatore scoprono il corpo di un ragazzino che rotola sul bagnasciuga come una marionetta e tanti altri cadaveri nell’acqua, affogati per scappare dalla fame, dalla violenza, dalla guerra. Una scoperta che travolge i due ragazzi e che darà valore a tutte le loro scelte, alla loro distanza e alla loro vicinanza. Un romanzo applaudito dalla critica e dal pubblico.

    Focus Autore
    Enzo Gianmaria Napolillo è l’autore di Le tartarughe tornano sempre (Feltrinelli, 2015), romanzo giustamente applaudito dalla critica e dal pubblico, che ha proiettato questo quarantenne di Saronno sotto i riflettori degli amanti
    della letteratura. Già autore di Remo contro remo, uscito nel 2009 per Pendragon, Napolillo affronta il tema scottante e attuale dei migranti che approdano (e spesso muoiono) sulle coste di Lampedusa. Un libro che emoziona per la delicatezza della storia e che fa riflettere per la profondità dei quesiti che pone alla coscienza del lettore.

    Sala Consiliare
    via Vittorio Veneto, 15
    Lesmo

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    youngiter

    Storia di una principessa e della sua forchetta

    Letture con Annalisa Ponti

    sabato 29 aprile 2017
    ore 10.30
    Cremella (LC)

    È l’anno Mille, più o meno. Per suggellare l’amicizia tra Venezia e Bisanzio, la principessa bizantina Teodora andrà in sposa al secondogenito del doge, Giovanni. Teodora ha dodici anni, viene dalla splendida Bisanzio, lei, ed è abituata a essere servita. Ben diversa la Venezia in cui approda, piccola città di pescatori e mercanti, palazzi semplici e strade maleodoranti. Teodora e Giovanni si piacciono subito. I veneziani, invece, scrutano con diffidenza la stravagante principessa che – scandalo! – mangia con la forchetta e si fa il bagno in una vasca. In particolare, Piero il Castigatore… Ma chi la fa l’aspetti! Una storia medievale quasi vera che si prende gioco di tutti i pregiudizi. Un bel racconto per bambini e ragazzi!

    Biblioteca Comunale
    via Carlo Sessa, 43
    Cremella

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    iternational

    L’amore addosso

    Incontro con Sara Rattaro

    sabato 29 aprile 2017
    ore 21.00
    Osnago (LC)

    Giulia. Una verità che la perseguita come una spina sotto pelle; un segreto che fa di lei quell’essere così tormentato e unico, luminoso e buio. Un vuoto d’amore che si porta addosso come una presenza ingombrante, un caos che può soltanto esplodere. Perché l’amore è una voce che non puoi zittire e una forza che non puoi arrestare. L’unica spinta che può riportarti a ciò che sei veramente. Un romanzo atipico, un ritratto nitido delle controversie dell’animo umano. Una scrittura incantevole.

    Focus Autore
    Sara Rattaro è nata a Genova nel 1975. Dopo le lauree in biologia e in scienze della comunicazione, si avvicina alla scrittura e nel 2010 pubblica il suo primo romanzo, Sulla sedia sbagliata, con Morellini editore. Nel 2012 Un uso qualunque di te viene pubblicato da Giunti e in poche settimane scala le classifiche dei libri più venduti. I romanzi di Sara Rattaro sono amati dal pubblico e dalla critica: Non volare via vince il Premio città di Rieti 2014, Niente è come te il Premio Bancarella 2015. Splendi più che puoi, romanzo sulla violenza di genere basato su una storia vera, esce per Garzanti nel 2016: con questo, Sara Rattaro si aggiudica il Premio Rapallo Carige per la donna scrittrice. L’amore addosso, edito da Sperling & Kupfer a Marzo 2017, è l’ultimo, potentissimo, romanzo dell’autrice, che abbiamo il piacere di avere ospite.

    Sala civica “Sandro Pertini”
    viale Rimembranze, 3
    Osnago

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    iterlab

    Leggo e gioco con te

    Libri e app per la prima infanzia, incontro con Francesca Tamberlani

    martedì 2 maggio 2017
    ore 15.00
    Barzanò (LC)

    L’offerta odierna di libri cartacei e contenuti digitali per bambini è in continua espansione. Gli scaffali delle librerie e degli store online sono affollati di proposte non sempre meritevoli di attenzione. I bambini, sin da piccoli, possono imparare ad amare i libri e la lettura grazie al nostro aiuto. E anche la loro esperienza digitale può essere sana e positiva se vissuta con misura, consapevolezza e curiosità. Un incontro di formazione rivolto a genitori, educatori, bibliotecari, promotori della lettura, curiosi, teso a promuovere il piacere di leggere nei bambini e un corretto approccio al mondo delle applicazioni digitali per l’infanzia.

    Prenotazione consigliata all’indirizzo:
    attivitaculturali@villagreppi.it

    In collaborazione con Milkbook

    PEREGOLIBRI
    via dei Mille, 25
    Barzanò

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    iternational _ youngiter

    Fra me e te

    Incontro con Marco Erba

    martedì 2 maggio 2017
    ore 21.00
    Barzanò (LC)

    Edo, uno contro tutti, pieno di rabbia e di tenerezza; Chiara, bruco che vuole diventare farfalla, farfalla che non sa di esserlo. E poi Giulia, Eric, Johnny, Lucrezia, Lucia. Yong. Mondo dei ragazzi e mondo degli adulti si intrecciano, si scontrano, lottano, cercano di guardarsi, di incontrarsi. Una trama polifonica, personalità a tutto tondo, plasmate e ancora morbide, in cambiamento continuo. Un libro per giovani adulti che cercano tracce di sé attorno. Un libro per adulti che troveranno indizi dimenticati di se stessi e orme di presente e di futuro.

    Focus Autore
    Marco Erba è nato nel 1981. Da dieci anni insegna italiano e latino in un liceo della provincia di Milano. Giornalista, si è occupato di cronaca locale. Fra me e te (Rizzoli, 2016) è il suo primo romanzo, nel quale parla ai ragazzi e attraverso di loro, descrivendo un mondo reale e raggiungendo lettori reali. Un professore, un educatore e uno scrittore appassionato e appassionante.

    PEREGOLIBRI
    via dei Mille, 25
    Barzanò

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    iternational _ autore a Km 0

    A cantare fu il cane

    Incontro con Andrea Vitali

    mercoledì 3 maggio 2017
    ore 21.00
    Briosco (MB)

    La quiete della notte tra il 16 e il 17 luglio 1937 viene turbata a Bellano da un grido di donna. Trattasi di Emerita Diachini in Panicarli, che urla: “Al ladro! Al ladro!” perché ha visto un’ombra sospetta muoversi tra i muri di via Manzoni. E in effetti un balordo viene poi rocambolescamente acciuffato dalla guardia notturna Romeo Giudici. È Serafino Caiazzi, noto alle cronache del paese per qualche piccolo reato finito in niente, soprattutto per le sue incapacità criminali. Chiaro che il ladro è lui, chi altri? Ma al maresciallo Maccadò servono prove, mica bastano le voci di contrada e la fama scalcinata del presunto reo. Ergo, scattano le indagini. Che vedono protagonista il cane di Emerita, un bastardino ringhioso che si attacca ai polpacci di qualunque estraneo…

    Focus Autore
    Andrea Vitali, nato a Bellano il 5 febbraio 1956, è uno scrittore e medico italiano. Nel 1982 si laurea in medicina all’Università Statale di Milano. Vive da sempre nel suo paese natale e, nel 2014, abbandona la professione medica per dedicarsi alla scrittura. L’immaginario narrativo di Vitali si colloca sulle sponde del lago e racconta una provincia fatta di personaggi comuni e nel contempo esemplari e il suo stile pungente e ironico è inconfondibile. Il suo primo romanzo: Il procuratore (Camunia, 1990); il suo ultimo: A cantare fu il cane (Garzanti, 2017).

    Rossini Art Site
    via Col De Frejus, 3
    Briosco

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    iternational _ aperitivo d’autore

    Il viaggio della parola

    Aperitivo poetico con Gian Luca Favetto

    giovedì 4 maggio 2017
    ore 18.30
    Sirtori (LC)

    “Nel tintinnare delle parole è la prova che la lingua cammina” scrive Gian Luca Favetto nel nuovo viaggio letterario che fa fare alle parole: è un itinerario dall’autore al lettore, da una scrivania di Torino alle strade di New York, nella consapevolezza che “l’alfabeto è l’immaginazione del mondo”. Ogni testo in poesia è un passaggio, una svolta, un frammento del mosaico che compone il mondo dei libri, a partire dall’atto creativo di chi “semina le parole come briciole” usando un computer che “scrive a penna/anche il silenzio scrive /e non lo dice”. Favetto riesce a dare un’anima ai libri e alla scrittura perché in fondo “soltanto la parola custodisce”. Ve ne innamorerete!

    Focus Autore
    Gian Luca Favetto è scrittore, poeta e giornalista. Vive a Torino e collabora con La Repubblica e Radio Rai. Ha un amore tanto grande e tanto esplicito per le parole e per il racconto che diventa scrittore potente e irresistibile. Tra le sue pubblicazioni, ricordiamo: Se dico radici dico storie (Laterza, 2011); Premessa per un addio (NNEdizioni, 2016); Il viaggio della parola (Interlinea, 2016). La sua passione e la sua scrittura vi faranno innamorare.

    Chalet di Villa Patrizia
    entrata da via Resegone
    Sirtori

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    iternational _ youngiter

    Un albero al contrario

    Incontro con Elisa Luvarà

    giovedì 4 maggio 2017
    ore 21.00
    Nibionno (LC)

    Un gruppo di ragazzini un po’ folli, dolcissimi e intensamente umani. E la loro vita in una casa molto speciale. Quando varca la soglia della comunità, Ginevra ha solo due grossi sacchi neri. Dentro c’è tutta la sua vita di undicenne. Adesso non sa cosa aspettarsi: e se i bambini e gli educatori fossero cattivi come li immagina nei suoi incubi? O, peggio, se la mandassero via ancora una volta? Per fortuna, quel mondo bizzarro è pronto a stupirla. Un romanzo toccante e vitale, che insegna a sperare e a non lasciarsi abbattere. Perché anche senza radici si può trovare la forza per crescere.

    In collaborazione con il Servizio affidi provinciale – Lecco

    Salone dell’Oratorio S. Luigi di Cibrone
    piazza Chiesa
    Nibionno

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    iternational _ iterlab

    Tararì Tararera

    Laboratorio per bimbi dai 4 ai 7 anni con Emanuela Bussolati

    venerdì 5 maggio 2017
    ore 17.00
    Monticello Brianza (LC)

    Tararì Tararera è un libro scritto in una lingua comprensibile a tutti. Una lingua atavica, che i piccolini hanno sentito quando ancora non potevano far corrispondere una parola ad un oggetto ma capivano ugualmente i messaggi dalle inflessioni della voce. È la lingua piripù: per il puro piacere di raccontare le storie. Ora, Tararì Tararera diventa un Kamishibai, un teatro di carta dentro cui far vivere i Piripù e le loro avventure. In questo laboratorio con i bambini e i loro genitori creeremo i Piripù e inventeremo le loro storie coloratissime!

    Prenotazione obbligatoria all’indirizzo:
    attivitaculturali@villagreppi.it

    Focus Autore
    Emanuela Bussolati parla di sè
    “Sono architetto ma progetto libri per bambini… Un modo per costruire pensieri e immaginazione. Sono anche illustratrice e scrivo. Un modo per raccontare. E camminatrice: un modo per osservare e imparare la natura. Ho collaborato con un centro di psicologia per l’età evolutiva: un modo per amare chi cresce. Come architetto mi sono occupata di architettura spontanea, come progettista, sono stata direttore editoriale di due case editrici per bambini, una delle quali specializzata in libri gioco. Come educatrice studio contenuti e modalità di comunicazione.”
    (da www.emanuelabussolati.wordpress.com)

    Biblioteca
    via G. Sirtori, 12
    Monticello Brianza

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    colliteral _ youngiter _ autore a Km 0

    Una storia di sempre ovvero “I Promessi Sposi”

    Viaggio ne I promessi sposi con Il Filo Teatro

    venerdì 5 maggio 2017
    ore 21.00
    Veduggio con Colzano (MB)

    Una storia di sempre: è di questo che si tratta! Potremmo paragonare il nostro Renzo a un giovane qualunque al quale viene fatto un sopruso e che cerca di ribellarsi attraverso la strada ovvia della “giustizia” della “legge”, ma che si ritrova a scontrarsi con una giustizia che forse tanto giusta non è. O ad una Lucia, che è costretta a dire “addio” alla sua terra perché altri lo hanno deciso. Gli attori de “Il filo teatro” di Lecco propongono uno spettacolo emozionante, essenziale e incisivo, che mette sulla scena la rilettura che Umberto Eco fa de I Promessi Sposi nella collana di libri per ragazzi Save the story: frutto della collaborazione tra Scuola Holden e Gruppo Editoriale L’Espresso.

    Sala Teatrale M. Ciceri
    viale Segantini, 10
    Veduggio con Colzano

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    aperitivo d’autore _ autore a Km 0

    Il curioso della brianza

    Aperitivo “in viaggio” con Domenico Flavio Ronzoni

    sabato 6 maggio 2017
    ore 18.30
    Viganò (LC)

    Questo volume raccoglie trenta scritti tra articoli e saggi di D. F. Ronzoni pubblicati negli ultimi due decenni su vari giornali e riviste, in particolare su Brianze, periodico di cultura del territorio attivo dal 1998 al 2012. Gli argomenti sono vari, ma il denominatore è comune: la Brianza. I testi si addentrano tra le pieghe spesso nascoste della sua storia, su aspetti poco noti del suo territorio, riportando alla luce elementi della sua tradizione. A volte
    la Brianza è solo il punto di partenza, come nella bella storia dell’amicizia tra Ernesto Teodoro Moneta e Ada Negri, di un racconto storico più ampio. Un libro per riscoprire le radici.

    Sala Civica
    piazza Don Gaffuri, 1
    Viganò

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    iternational _ autore a Km 0

    Confessioni audaci di un ballerino di liscio

    Incontro con Paola Cereda

    sabato 6 maggio 2017
    ore 21.00
    Correzzana (LC)

    Il Sorriso dancing club, la balera più famosa del Polesine, compie cinquant’anni. Il suo proprietario, Frank Saponara, organizza una grande festa di compleanno alla quale partecipa l’intera comunità di Bottecchio sul Po. Frank è un ballerino di liscio che ha avuto tante donne quante sono le mazurche che ha ballato, ma quelle che hanno segnato la sua carriera sentimentale sono tre: Ivana, il suo primo amore, Kristelle, una star del porno, e Barbara, musicista e cantante. La sera del compleanno del Sorriso, le tre donne si ritrovano sulla stessa pista mentre, poco distante, Vladimiro Emerenzin, poeta di paese, muore in strane circostanze. Tra le sue dita, un biglietto della festa alla quale non ha partecipato e una parola scritta a matita. Frank è chiamato a dare un senso a quell’ultimo messaggio e scopre che la vita è come il liscio: si balla in due e bisogna andare a tempo.

    Focus Autore
    Paola Cereda è nata a Veduggio, in Brianza. Psicologa e appassionata di teatro, dopo un lungo periodo come assistente alla regia in ambito professionistico, è andata in giro per il mondo fino ad approdare in Argentina, dove si è avvicinata al teatro comunitario. Tornata in Italia, vive a Torino e si occupa di progetti artistici e culturali nel sociale. Vincitrice di numerosi concorsi letterari, è stata finalista al Premio Calvino 2009 con il romanzo Della vita di Alfredo (Bellavite). Piemme nel 2014 pubblica Se chiedi al vento di restare e Le tre notti dell’abbondanza, nel 2015. Confessioni audaci di un ballerino di liscio, edito da Baldini&Castoldi, è presentato in iterfestival in anteprima assoluta.

    Sala Consiliare
    via De Gasperi, 7 (Municipio)
    Correzzana

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura
  • IterFestival

    Laboratorio, incontri con l'autore e concerto

    iterando

    evento conclusivo

    domenica 7 maggio 2017
    ore 15.30
    Monticello Brianza (LC)

    ore 15.30
    colliteral

    Play! Come giocare/suonare
    Il gioco avvicina la musica, la musica ti avvicina al gioco. Per bambini dai 3 anni
    __

    ore 16.30
    youngiter _ autore a Km 0

    Il bambino che non voleva essere un lupo
    Letture in compagnia di Egidia Beretta

    Un mondo diverso, più giusto, a misura d’uomo, un mondo in cui tutti fanno parte di un’unica famiglia, quella umana, dove non ci sono confini, barriere, muri o bandiere, dove i diritti sono di tutti e non diventano mai privilegi: questo era il sogno di Vittorio. Un mondo dove un uomo non è mai lupo per un altro uomo ma semplicemente fratello. Questo racconto è dedicato a Vittorio Arrigoni, detto Vik. È lui il bambino che non voleva essere un lupo. Diventato grande Vittorio ha dedicato tutta la sua vita ai più deboli, ai dimenticati del mondo, ai bambini privati dei loro diritti, agli uomini e alle donne vittime delle violenze e dei soprusi.

    In collaborazione con Fondazione Vittorio Arrigoni VIK Utopia Onlus
    __

    ore 17.30
    colliteral

    Intervento musicale
    Concerto della Scuola di Musica “A. Guarnieri”
    __

    ore 18.30
    aperitivo d’autore _ autore a Km 0

    Guerrilla radio
    Incontro con Egidia Beretta e Stefano “S3keno” Piccoli

    La fine e l’inizio. Il volontariato. Le elezioni nella Repubblica Democratica del Congo come osservatore internazionale. La Palestina. Sempre. E poi l’interposizione non violenta. Il blog. Piombo fuso. I videomessaggi. Roberto Saviano. La guerra “se possiamo davvero chiamarla guerra”. Gli scudi umani e Gaza. Guerrilla radio è Vittorio Arrigoni. Per gli amici Vik: “umanissimo e imperfetto come tutti noi”. Fino alla notte del 14 aprile 2011 in cui è stato rapito e poi assassinato dal terrorismo jihadista salafita, Vittorio era un attivista. Un narratore sensibile. Un pacifista, un ragazzo che aveva deciso di vivere nella striscia di Gaza, accanto al “suo” popolo palestinese un percorso realmente umano. Le cui radici affondano nel concetto del prossimo prima ancora di quanto possa significare essere un reporter di guerra. Introduzione di Egidia Beretta.

    Antico Granaio di Villa Greppi
    via Monte Grappa, 21
    Monticello Brianza

    guarda sulla mappa >

    Cultura
    scarica il depliant
    ingresso libero
    Cultura